EnricoMaria Ferrari's
No news, good news
09 February 2023 Ultimo aggiornamento:18 October 2005
Notizie d'agenzia, e di giornali locali, belle fresche, vere. Difficile che le vediate stampate o diffuse. Troppo stupide, inutili, senza interesse. Anche tragiche, ma sempre divertenti. Le metto qui in questo blog, anzichè scriverci, come si fa negli altri logorroici ed autoreferenziali blog, frustrazioni e gioie personali, contenti che almeno uno, te stesso, ti pubblichi. Chi legge un blog è colui che ancora non ne ha realizzato uno.
Per ora.
venerdì, gennaio 03, 2003


Cina, polizia si scusa per aver arrestato spettatore di video porno
PECHINO (Reuters) - La polizia di Yan'an, nel nord-ovest della Cina, ha presentato le proprie scuse, cosa che avviene piuttosto raramente, a un uomo arrestato dopo essere stato sorpreso in casa propria a guardare video porno insieme alla moglie. Lo scrive oggi la stampa ufficiale. Il caso, di cui i giornali hanno parlato diffusamente, ha suscitato un vasto dibattito tra l'opinione pubblica sulla privacy in un paese che cerca un punto di equilibrio tra la moralità tradizionale e la libertà personale. "Siamo molto spiacenti per la sofferenza che abbiamo causato. Ora le chiediamo scusa", scrive il Quotidiano della Gioventù di Pechino citando le parole di un funzionario di polizia, e aggiungendo che le autorità intendono punire i responsabili dell'arresto. Il 18 agosto scorso quattro agenti penetrarono nella casa del 24enne Zhang Lei, dove abitano anche la moglie e i genitori, e confiscarono video pornografici dopo una soffiata. La polizia cercò anche di sequestrare la tv e il videoregistratore di Zhang, provocando una rissa coi membri della famiglia. Le autorità condannarono Zhang e suo padre al carcere per diffusione della pornografia e per aver ostacolato la giustizia. Ma entrambi furono rilasciati il giorno successivo, dopo il pagamento di 1000 yuan (circa 21 euro) da parte della famiglia. Due mesi più tardi, la polizia arrestò nuovamente Zhang per ostacolo alla giustizia, tenendolo per un paio di settimane in prigione. Ma i procuratori rifiutano di avallare l'arresto per mancanza di prove, cosicché Zhang non risulta ufficialmente essere stato arrestato. Dopo il suo rilascio, la famiglia si è rivolta a un avvocato per denunciare la polizia, ma le due parti hanno trovato un accordo al di fuori del tribunale all'inizio della settimana. Oltre a ricevere scuse formali, Zhang ha avuto anche un risarcimento di 29.137 yuan. Ma i giornali non scrivono che fine abbiano fatto i video sequestrati.

- Enrico, 2:48 PM-



ARCHIVIO

-L'autore di questo blog

-Il Barbiere della Sera,autoreferenzialita' giornalistica e gossip

-Ivo, indispensabile aiutoblogger

-Giovani Tromboni, un sapido blog

-YAFB, Yet Another Frigning Baby,il blog chetutte le famiglie dovrebbero tenere

-Parole per dirlo, il blog diSte, e non è poco

- ZetaVu,il blog dell'ideatore di Repubblica.it

No-Luogo,il primo blog non di conoscenti che mi linka!



Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile